Accoglienza e apertura con l'Albero della vita a Malnate (VA)

Al Centro "Lena Lazzari" di Malnate (VA) si sperimentano nuove forme di socialità e apertura con “L’albero della vita”.

ANCeSCAO E'... accoglienza!

Negli oltre 1.400 Centri ANCeSCAO, da Nord a Sud, vivono ancora valori umani solidi e positivi, quali il valore della collaborazione e dell'accoglienza.

Al Centro "Lena Lazzari" di Malnate, comune di circa 16.000 abitanti in provincia di Varese, per esprimere in forma artistica tali valori e principi, di fronte all'ingresso della sede è stato realizzato un murales raffigurante l’Albero della vita, per trasmettere un messaggio di allegria e di benvenuto a tutti i frequentatori del centro.

L’Albero della Vita è una rappresentazione grafica molto particolare. Le sue foglie sono state, infatti, disegnate, una per una, da persone diverse, secondo la propria personale ispirazione. L’intento è di rendere tangibile il valore della terra e del fusto su cui poggia l’albero e, allo stesso tempo, di evidenziare la forza dell’incontro e del viaggio, rappresentati dalle foglie che si staccano dalla pianta. Il murales è stato disegnato su diverse superfici quasi a voler immergere il visitatore che si avvicina per osservarla.

Un’opera che nasce dalla collaborazione di più persone che hanno unito la loro fantasia e la loro diversità individuale e dal lavoro "in rete" di diverse associazioni.

Il progetto, nato da un’idea dello stesso presidente del Centro Lazzari, Mario Furini, ha vista la piena adesione e collaborazione di associazioni malnatesi impegnate in attività di inclusione sociale: La Finestra e il Gruppo Estivo la Miniera di Giove.

Il Centro "Lena Lazzari", grazie a questa iniziativa, ha voluto percorrere un ulteriore passo verso il dialogo fra le generazioni e verso l'apertura alla comunità cittadina.

Un messaggio importante, una sfida da vincere, che accomuna tutti i centri ANCeSCAO.

[si ringrazia per il contributo Davide Orazi Volontario del Centro Sociale “Lena Lazzari”]

 

Lombardia, 2020