Vecchio a chi? Il Centro "Salice Gualdoni" si racconta in un libro

Presentata in Dicembre la pubblicazione che racconta la storia del Centro “Salice Gualdoni” di Pesaro.

La vecchiaia, una parola che già a pronunciarla incute tristezza… vecchiaia fa associare mentalmente ad altri concetti e condizioni: malattia, isolamento, depressione, poca voglia di fare e di muoversi. Noi al Centro Gualdoni siamo vecchi anagraficamente, età media 60/70 anni, ma siamo ancora pieni di vitalità, di voglia di fare, di imparare, conoscere, di viaggiare, in poche parole ci sentiamo ancora attivi, pensare e programmare al futuro”.

Queste le parole di Giancarlo Pierfelici, Presidente del Centro ANCeSCAO “Salice Gualdoni” di Pesaro (PU), che introducono la lettura del volume “Vecchio a chi?” presentato ufficialmente lo scorso Dicembre in occasione di due appuntamenti, il primo tenutosi presso la sala del Consiglio Comunale di Pesaro e il secondo presso la sede del Centro. Gli eventi hanno visto la grande partecipazione dell’Amministrazione locale con il Sindaco Matteo Ricci e l'Assessore alla Solidarietà Sara Mengucci, del Presidente ANCeSCAO Pesaro-Urbino Oscar Gabbani e dei rappresentanti non solo del Centro stesso ma anche di tutti quelli del territorio pesarese. 

Ricco di aneddoti, testimonianze e immagini di una storia lunga 17 anni, il volume raccoglie le preziose memorie di chi il Centro “Salice Gualdoni” lo ha vissuto sin dalla nascita contribuendo così a scrivere un pezzetto di storia della città di Pesaro, fatta di socialità, aggregazione e volontariato al servizio della comunità.

Per scoprire che un Centro “non è un bar, non è un ristorante, non è un bocciodromo, non è una sala da ballo od una agenzia di viaggi ma è uno stile di vita” – scrive Pierfelici – visitate la rubrica “I nostri libri”, dove troverete il testo integrale del libro “Vecchio a chi”: pagina dopo pagina vivrete in maniera concreta e genuina quella che è una vera e propria esperienza ANCeSCAO.

Marche, 2020