La Vetrina delle Buone Pratiche: i risultati

Rien ne va plus! I giochi ormai sono fatti! Si sono concluse il 30 Settembre le votazioni per le “Buone Pratiche ANCeSCAO 2019”. 

ANCeSCAO E' Buone pratiche e progettualità!

L’iniziativa la “Vetrina delle buone pratiche” è nata con lo scopo di raccogliere, condividere e dare visibilità alle tante attività virtuose e meritorie che i nostri Centri realizzano ogni giorno sul territorio nazionale. Grazie a questa iniziativa ANCeSCAO A.P.S. intende mettere "in vetrina" e valorizzare il lavoro dei nostri volontari, dei nostri “eroi della quotidianità” e stimolare un processo di crescita all’interno di tutta l’Associazione.

Il programma dell’iniziativa ha previsto le seguenti fasi:

Da Marzo a Giugno:

Tutti i Centri ANCeSCAO sono stati invitati a segnalare la loro “buona pratica” già realizzata o in fase di realizzazione. Nel sito www.ancescao.it un apposito spazio è stato dedicato a far conoscere queste iniziative, appunto la «vetrina delle buone pratiche».

Da Luglio a Settembre:

le buone pratiche sono state sottoposte al “giudizio popolare“, ossia a una votazione on line aperta a tutti.

Ora si è giunti alla proclamazione dei vincitori. Le nove “buone pratiche”, che hanno ottenuto più voti sono:

Per il Nord Italia:

  1. “Il Nastro Rosa” del Centro Anziani di Boffalora Sopra Ticino (MI);
  2. “Trasporto Solidale” del Centro Sociale Anziani “Il Tulipano” APS di Parma;
  3. “Non abbandoniamo la vita” del Centro Sociale Anziani di Vanzaghello (MI).

Per il Centro Italia:

  1. “Palestra Informatica” del Centro Sociale Anziani “Il Grillo Parlante” di Firenze:
  2. “Orto 21” del Centro di Palmetta – Terni;
  3. “Le tre A (Alimentazione, agricoltura, ambiente” del Centro Ricreativo Anziani di Collevecchio (RI).

Per il Sud Italia:

  1. “Insieme sulla scacchiera” del Centro Sociale “Non solo anziani” di Solopaca;
  2. Intervento di risanamento conservativo della fontana monumentale del rione Pantanello del centro storico di Castrovillari” del Centro Aggregazione Sociale Anziani “A. Varcasia” di Castrovillari (CS);
  3. “L’atelier dei ri-fiutati” del Centro “Ipazia” di Salandra (MT).

In realtà le “buone pratiche” vincenti sono tutte le 36 che hanno partecipato all’iniziativa così come vincenti sono tutti i Centri che le hanno realizzate (alcuni presenti con più di una proposta).

È per questo motivo che è stato deciso di dare la più ampia visibilità a tutte le 36 buone pratiche in una mostra organizzata in occasione dell’Assemblea Nazionale dei Soci (21-23 Ottobre p.v. a Cervia). Ognuna di esse sarà presente con un poster che è stato realizzato sulla base delle informazioni e delle immagini fornite dai Centri; tutte poi riceveranno un attestato la mattina del 23 Ottobre.

A ciascuna di queste nove proposte va il premio di 1.000 Euro. 

Grazie e vi aspettiamo tutti a Cervia!

2019