#ripresAncescao – L’Associazione “Centro Anch’io” racconta “La cultura del corpo tra passato, presente e futuro”

Venerdì 10 luglio la prima serata dell’Associazione “Centro Anch’io” di Oriago (VE) con una conferenza sul tema salute, invecchiamento e sport.

#ripresAncescao

I volontari dell’Associazione “Centro Anch’io” di Oriago di Mira (VE) inaugurano la riapertura dopo il periodo di chiusura forzata con una serata dedicata al tema della salute dal titolo “La cultura del corpo tra passato, presente e futuro”. L’iniziativa si è svolta in presenza presso gli spazi del centro ed è stata trasmessa in diretta sulla pagina Facebook dell’associazione permettendo anche una partecipazione a distanza di oltre 400 persone.

Di grande interesse gli interventi degli ospiti relatori che hanno approfondito il tema della salute soffermandosi in particolar modo sull’importanza e l’attenzione che l’uomo ha sempre riposto sulla ginnastica e l’attività fisica, sin dai tempi antichi: “L’uomo, in qualsiasi epoca e cultura, è sempre stato ossessionato e affascinato dalla ricerca del mito dell’eterna giovinezza - ha spiegato il Dott. Claudio Bergamin - dal Santo Graal all’elisir dell’eterna giovinezza fino alla sintesi di pillole che donano l’immortalità. Oggi la scienza ci dice che una via per procrastinare l’invecchiamento esiste, ed è l’attività fisica.

Già nel 1984 alcuni studi hanno dimostrato quanto l’attività fisica incide sull’allungamento del telomeri nel DNA, i veri orologi biologici dell’organismo umano, condannando la sedentarietà come stile di vita dannoso e nocivo. Bergamin ha poi illustrato gli organi e gli apparati “bersaglio” sui quali l’attività fisica incide positivamente - dall’apparato cardiovascolare ai disturbi dell’umore - e le varie attività e discipline sportive non agonistiche che influenzano positivamente il nostro invecchiamento.

Quindi ha proseguito il secondo relatore, Dott. Francesco Sacco Assessore del Comune di Mira alle Politiche Sanitarie e Servizi alla Persona, Referente Piano di Zona Anziani Distretto Dolo-Mirano, sottolineando il valore della salute intesa come benessere psico-fisico e sociale. L’importanza dello sport e del movimento nel promuovere il rilassamento muscolare, nel favorire un miglior apporto energetico, nel liberare le endorfine che stimolano il livello di piacere dell’organismo, nell’aumentare le difese immunitarie. Ugualmente ha posto l’accento sull’importanza dello stile di vita per pervenire la sindrome metabolica caratterizzata da ipertensione, diabete, obesità dislipidemia.

Ha preso poi la parola in terzo relatore Dott. Glauco Collalti, laureato in Scienze Motorie e Psicologia Clinica, che ha messo in risalto il ruolo dell’attività fisica svolto dalle istruttrici del Centro Anch’io. L’intervento era incentrato sulle capacità e abilità motorie dall’infanzia alla terza età senza tralasciare l’importanza che riveste una sana e corretta alimentazione.

Il video integrale della conferenza è ancora disponibile sulla pagina Facebook dell'Associazione cliccando qui.

Veneto, 2020, #ripresAncescao