Regione Emilia-Romagna e Terzo settore insieme per contrastare questa emergenza e supportare lo sviluppo di comunità

E’ di pochi giorni fa la notizia che tutte le richieste inoltrate alla Regione Emilia Romagna in merito al bando per l’erogazione di finanziamenti ad OdV e APS impegnate nell’emergenza Covid-19, sono state accolte senza esclusioni. 679 sono state le richieste supportate da un fondo regionale pari a € 2.462.746, ampliato a € 3.178.934,54 per garantire il contributo a tutti coloro che hanno presentato la domanda.

 

Per la Regione Emilia-Romagna così come per la nostra Associazione è un risultato importante che non si esaurisce nel riconoscimento economico, ma rimette in circolo energie, speranze e attività che rischiavano di andare perdute. Grazie alla collaborazione e al dialogo sempre attivo tra le istituzioni e il mondo del volontariato, con l’indispensabile supporto del Forum del Terzo Settore, Ancescao ha ricevuto un aiuto concreto per i nostri Centri sociali, che rappresentano un presidio territoriale consolidato per gli anziani ma, spesso, per l’intera comunità, sia nelle città che nei piccoli Comuni.

Sono 110 i Centri che hanno partecipato al bando della Regione e molti altri che hanno usufruito dei diversi contributi, con l’intento di portare avanti la preziosa attività sociale che da sempre svolgono.


La nostra struttura regionale Ancescao, in ascolto delle strutture provinciali e del territorio, ha voluto fin dall’inizio sostenere l’idea che, lavorando insieme, i risultati arrivano e, le notizie dei “ristori” e dei rimborsi degli ultimi giorni ci incoraggiano ad andare avanti a fianco dei volontari e delle volontarie che hanno continuato a credere nel valore dell’associazionismo. Da quest’estate abbiamo avviato un progetto diffuso dal titolo #riapriamoci che porta in sé un significato pratico, nell’incoraggiare i Centri a rimanere aperti, compatibilmente con le normative, e, ancor più importante, un significato politico. Aprirsi al dialogo con le Istituzioni, conoscere meglio le difficoltà del territorio, supportare nelle pratiche amministrative, confrontarsi e progettare insieme sono gli obiettivi di un percorso condiviso nato da una situazione di emergenza, ma che rappresenta per noi un ponte sul futuro della nostra associazione.

Il nostro percorso è solo all’inizio e oggi ha avuto un ulteriore importante riconoscimento che ci aiuta a svolgere un’insostituibile funzione di supporto per le persone più vulnerabili, affrontando insieme le difficoltà organizzative ed economiche che rischiano di mettere in crisi il nostro ruolo fondamentale di coesione e inclusione sociale. Tale riconoscimento ci legittima ad andare avanti con la speranza che, una volta terminato questo momento difficile, i Centri possano continuare ad
essere il luogo della socializzazione degli anziani e dell’intera comunità, con il supporto delle Istituzioni, partner fondamentali per garantire la crescita della nostra associazione.

Il Presidente della Struttura Territoriale Regionale dell’Emilia Romagna ANCeSCAO APS
Franco Cattabriga

Emilia-Romagna, 2020