#ripresAncescao – Anziani e nuove tecnologie: quattro progetti ANCeSCAO per promuovere socialità e relazioni a distanza

Quattro centri ANCeSCAO di Bologna e provincia tra i vincitori del Concorso di Idee 2021 promosso da Azienda USL di Bologna e da Lepida ScpA.

Si è conclusa venerdì 30 aprile la fase di partecipazione al bando Concorso di Idee 2021 organizzato dall'Azienda USL di Bologna e da Lepida ScpA per sostenere enti ed associazioni del Terzo Settore locale attraverso l'erogazione di contributi volti alla realizzazione di iniziative a favore della popolazione anziana fragile e di tutti i caregiver coinvolti. Tra i 20 progetti ammessi in graduatoria, sono quattro le proposte progettuali presentate dai Centri ANCeSCAO del territorio!

  • UNA RETE DI BENESSERE - Centro Sociale Ricreativo Culturale "Il Mulino" APS, Bentivoglio (BO)
  • DIFFICILE? NON È SEMPRE COSÌ - Centro Sociale e Orti "Rosa Marchi" APS, Bologna
  • CONTATTO: MAI ESCLUSI - Centro Socioculturale "S. Pertini" APS, Zola Predosa (BO)
  • UNA MISURA PER LA CURA - Centro Sociale Ricreativo Culturale "N. Frassinetti" APS, Bologna

Attraverso i progetti i volontari ANCeSCAO metteranno in campo azioni ed attività con l'obiettivo di combattere l'isolamento della popolazione più anziana e fragile attraverso l'utilizzo delle tecnologie informatiche che nell'ultimo anno hanno permesso di superare le distanze sociali imposte dalla pandemia. Grazie alle potenzialità degli strumenti digitali più diffusi (internet, smartpone, computer, tablet, social newtork, piattaforme di videoconferenza ecc.), durante il lockdown moltissimi anziani si sono avvicinati a tali mezzi alleviando così la solitudine e la sofferenza causate dalla lontananza dai propri cari e dai luoghi di aggregazione che erano soliti frequentare. Proprio in quest'ottica i progetti che verranno realizzati nei prossimi mesi dai Centri ANCeSCAO di Bologna permetteranno di coinvolgere anche i volontari più anziani già abili nell'utilizzo delle nuove tecnologie in percorsi di formazione a sostegno dei loro coetanei e caregiver, promuovendo il contrasto al divario digitale, il mantenimento delle capacità residue degli anziani, la socializzazione a distanza, la promozione dell'accesso digitale ai servizi come SPID, Fascicolo Sanitario Elettronico ecc. In particolare:

  1. Il supporto formativo, culturale, relazionale e per il benessere fisico tramite:
    • La formazione all'uso delle tecnologie e l'avviamento all'utilizzo dei servizi sul web
    • Supporto psicologico a distanza 
    • Supporto all'uso del denaro anche in funzione delle nuove esigenze di connessione digitale
    • Supporto alle scelte di connessione e strumentazione da acquisire per il contrasto al divario digitale
    • Supporto agli strumenti di videoconferenza
  2. L'intrattenimento e il sostegno tramite le tecnologie:
    • La produzione di video, intrattenimenti, lezioni a distanza rivolte ad anziani attivi, persone fragili e caregiver
    • L'organizzazione di gruppi di ascolto e confronto on-line
    • Attività di benessere a distanza
    • Supporto reciproco basato sull'auto mutuo aiuto

 

Maggiori informazioni sul sito www.bolognasolidale.it 

L'iniziativa si svolge grazie al finanziamento della Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria della Città Metropolitana di Bologna, all’interno della programmazione delle attività di e-Care per il 2021. 

Emilia-Romagna, #ripresAncescao, 2021