Lavori straordinari urgenti in condominio

«Buongiorno, vorrei sapere se l’amministratore del condominio può ordinare lavori straordinari urgenti in assenza della preventiva autorizzazione dell’assemblea condominiale».

Risponde l’avvocato Elena De Simone, di Confconsumatori Parma.

Va chiarito, in premessa, che l’amministratore di condominio ha il dovere-obbligo di compiere atti conservativi relativi alle parti comuni dell’edificio, ai sensi dell’art. 1135 c.c., secondo comma: “l’amministratore non può ordinare lavori di manutenzione straordinaria, salvo che rivestano carattere di urgenza, ma in questo caso deve riferire alla prima assemblea”.

Ne deriva che l’amministratore, in caso di urgenza, ha l’obbligo di ordinare autonomamente lavori di manutenzione straordinaria e di riferire alla prima assemblea, soprattutto se la situazione di pericolo non solo imminente ma anche potenziale, impedisca di convocare l’assemblea condominiale in tempi brevi.

Naturalmente l’intervento dell’amministratore dovrà limitarsi ad eliminare il pericolo per poi rinviare all’assemblea ogni decisione sui successivi interventi.

2020