Uno sportello per aiutare i consumatori alle prese con la spesa alimentare

Da novembre è attivo un servizio gratuito e accessibile a tutti i cittadini per chiedere consigli su sicurezza e benessere alimentare: un canale telefonico e via e-mail a cura di Confconsumatori nazionale.

Con la rubrica "ANCeSCAO chiama Confconsumatori risponde", realizzata in collaborazione tra ANCeSCAO A.P.S e Confconsumatori, puoi scoprire tante informazioni utili per difendere i tuoi diritti da consumatore, utente e cittadino. La rubrica, basata su domande e risposte, si occuperà di temi quali: utenze (luce, gas, telefonia, internet, acqua, rifiuti), servizi pubblici locali e postali, garanzie post-vendita, acquisti online e in negozio, trasporti e turismo, benessere e sicurezza alimentare, truffe e furti online, phishing, pratiche commerciali scorrette e/o ingannevoli, eccetera. Verranno, inoltre, analizzati casi d'attualità e illustrate iniziative di servizio o utilità che semplificano la vita al cittadino.

Per domande e informazioni scrivi a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cibo: quanto ne sai veramente? Quante volte nella corsia del supermercato o in cucina avremmo l’esigenza di chiedere qualche consiglio su come interpretare un’etichetta, costruire un menù bilanciato, conservare e preparare i cibi in modo sano e sicuro?

Da oggi esiste un servizio dedicato - e gratuito - utile per tutti i consumatori che vogliono informarsi meglio sulla spesa alimentare, su come nutrirsi meglio, in sicurezza e in modo sostenibile, riducendo gli sprechi. Confconsumatori ha attivato lo sportello nazionale del progetto “Più sai, più sei” (www.piusaipiusei.org), finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Lo sportello a cura di Confconsumatori, dedicato al benessere e sicurezza alimentare, è contattabile ai seguenti recapiti:

  • E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.t
  • Telefono: 0521/231846 (lun. - ven. 9,30 - 13 e 14,30 - 17)

Presto, inoltre, sarà online sul sito di Confconsumatori anche una piattaforma integrata con il social network Facebook, per incoraggiare lo scambio libero di opinioni ed esperienze tra consumatori, moderato da un esperto.

COSA CHIEDERE ALLO SPORTELLO? - Il call center e lo sportello online saranno un punto di riferimento per i cittadini-consumatori non solo in caso di disservizi o di reclami nei confronti di venditori e produttori, ma anche per sottoporre quesiti in merito al tema del benessere e della sicurezza alimentare: ad esempio sulla scelta degli alimenti che compongono una dieta corretta e bilanciata; su come rendere più sostenibile la nostra spesa alimentare e ridurre lo spreco; sull’interpretazione delle etichette alimentari o dei claim; sulla scadenza, preparazione e conservazione dei prodotti; sui controlli nella filiera, sul ritiro di prodotti o altre allerte alimentari; su contraffazione e frodi alimentari; su sicurezza alimentare e rischi di contaminazione (chimica o igienico-sanitaria); su presunte fake news, eccetera.

PILLOLE E CURIOSITA’ SUL CIBO – Oltre all’attività di informazione e assistenza dei cittadini, nell’ambito del progetto “Più sai, più sei” verrà avviata una campagna di comunicazione, veicolata principalmente tramite la Pagina Facebook di Confconsumatori https://www.facebook.com/Confconsumatori/ per offrire tanti spunti di riflessione sulle abitudini e scelte alimentari, sugli errori più frequenti, ma anche informazioni utili su allerte e ritiro di prodotti, con un’attenzione particolare alla lotta alle fake news, allo scopo di rendere i cittadini più attenti, consapevoli e informati.

IL PROGETTO“Più sai più sei - Consapevolmente consumatore, ugualmente cittadino” è un progetto nazionale finanziato dal Ministero dello sviluppo economico (DM 7 febbraio 2018) e promosso da: Cittadinanzattiva, Confconsumatori e Movimento Consumatori. Si propone di realizzare un percorso pensato per garantire al cittadino/consumatore pari opportunità di accesso ai servizi e alle informazioni, l’esercizio dei propri diritti e delle relative forme di tutela, nei settori dei Servizi Pubblici Locali, dei Servizi Digitali della Pubblica Amministrazione e della Tutela della Privacy, del Benessere e della Sicurezza Alimentare. Come? Superando le differenze territoriali, socio-culturali ed economiche e fornendo gli strumenti per colmarle.