#ripresAncescao – L’inclusione fa canestro con ANCeSCAO: ad Aprilia il basket per educare alla convivenza civile

L’Associazione CSI Dialogo e ASD Virtus Basket Aprilia insieme nel progetto “Il basket… Oltre le barriere: specialmente atleti!”.

#ripresAncescao

Oggi l’attività motoria non solo assicura un maggiore benessere a livello fisico ma favorisce anche la costruzione di ponti e legami grazie alla sua forte valenza educativa, soprattutto tra i più giovani. Lo sport unisce, aggrega, ci avvicina agli altri e aiuta a combattere paure e pregiudizi insegnandoci il rispetto delle regole, del prossimo e l’importanza dei valori di condivisione e collaborazione. In un contesto in cui un sano gioco di squadra è fondamentale per perseguire un obiettivo comune si sviluppano dinamiche sociali significative per la propria crescita personale: grazie allo sport nascono nuovi rapporti e amicizie e il confronto con gli avversari – ma anche con i propri compagni di squadra – diventa una preziosa occasione per esprimere potenzialità ed emozioni, qualunque sia la propria condizione fisica, psicologica o sociale.

Con l’obiettivo di sensibilizzare la comunità verso la promozione dello sport inteso non solo come attività pratica e motoria ma soprattutto come momento di inclusione e convivenza civile, nel Comune di Aprilia (LT) nasce la collaborazione tra il Centro Sociale Integrato Inclusivo ANCeSCAO “Dialogo” e ASD Virtus Basket Aprilia che dal 9 novembre sono al lavoro con il progetto “Il basket… Oltre le barriere: specialmente atleti!”.

L’iniziativa è dedicata a tutti i giovani di Aprilia tra i 5 ed i 35 anni con bes e dsa o disagio intellettivo appartenenti a famiglie straniere ed italiane in condizioni socio-economiche di svantaggio ed è finalizzata a favorire attività inclusive di educazione motoria all’aria aperta senza escludere le persone a rischio come bambini, ragazzi e giovani con disabilità cognitive. Un progetto importante e necessario in un momento in cui l’incontro e la socialità sono vera e propria linfa vitale, soprattutto per le persone più fragili.

È una triste considerazione quella per la quale oggi una persona con disabilità frequenta palestre di riabilitazione specifiche o difficilmente può frequentare un centro sportivo “normale”. È arrivato per noi il momento di cambiare prospettiva – dichiara il presidente ASD Virtus Basket Aprilia Roberto LupelliLa nostra idea è quella di portare ad Aprilia la prima palestra inclusiva all’aria aperta della città!”.

Il progetto propone un programma educativo annuale con la realizzazione di due corsi di avviamento allo sport all’aria aperta articolati per fasce d’età che si svolgeranno presso gli spazi esterni dell’associazione CSI Dialogo APS. Grazie all’esperienza nella promozione della cultura, dell’inclusione sociale e della solidarietà i volontari ANCeSCAO e gli operatori sportivi della Virtus Basket di Aprilia educheranno l’intera comunità ad una nuova convivenza civile favorendo l’inclusione e contrastando ogni forma di pregiudizio e discriminazione. Un dialogo sociale attraverso lo sport di tutti e per tutti, un programma educativo che farà sperimentare a bambini e ragazzi comportamenti collaborativi sviluppando allo stesso tempo la loro capacità di integrarsi ed aiutarsi reciprocamente e perseguire insieme obiettivi positivi.

Lazio, 2020, #ripresAncescao