#maisoliconancescao – Virus? Andiamo avanti! A Modena l’incontro online

Sabato 11 Aprile il Comitato Anziani e Orti S.Agnese – S.Damaso di Modena ha organizzato il dibattito online dal titolo “Virus? Andiamo avanti!”

#maisoliconancescao

L’emergenza causata dalla pandemia Covid-19 pone ogni giorno l’intera popolazione di fronte ad un’incessante quantità di informazioni: tutti i media – dai servizi televisivi ai quotidiani ma anche post sui social – aggiornano costantemente la cittadinanza sull’evolversi della situazione, anche a livello mondiale.

Questa situazione mette a dura prova la nostra salute psicologica – già ampiamente condizionata dagli effetti della vita in quarantena – che si rivela sempre più essere la “seconda faccia” del virus.

Come affrontare dunque questo periodo senza sfociare nell’allarmismo?

Se ne è parlato sabato 11 Aprile a Modena in occasione dell’incontro online dal titolo “Virus? Andiamo avanti!”, organizzato e promosso dal Comitato Anziani e Orti S. Agnese – S.Damaso e che vede ancora una volta la preziosa collaborazione del Dott. Giuseppe Crimi, psicologo e psicoterapeuta.

L’incontro si è rivelato una vera e propria occasione di confronto, dialogo e dibattito su come vivere al meglio questo periodo, considerando (e scoprendo) soprattutto gli effetti positivi che l’emergenza Covid-19 ha portato nella nostra quotidianità. L’obiettivo è stato quello di stimolare i partecipanti nel mettere in atto azioni volte a trasformare questo tempo obbligato in tempo utile, riscoprendo nuove occasioni, valori, creatività e positività, anche in un contesto colmo di negatività.

Alcune riflessioni emerse durante la videoconferenza:

"Questo virus ci spinge a riscoprire le risorse che forse avevamo accantonato, spinge a ritrovare il tempo a dare valore ai tempi della giornata, a mantenere piccoli gesti e abitudini ma anche a gestire le nostre emozioni. La paura non possiamo eliminarla, anch’essa è parte della vita e può farci essere ancora più attenti a tante piccole cose che altrimenti potrebbero sfuggirci. Per questo è anche utile evitare il bombardamento mediatico, atteniamoci alle fonti ufficiali, non diamo spazio ai tanti messaggi inutili."

"Chi può lavora da casa, e per questo teniamo separati gli ambienti. Anche nella vita di coppia, che può essere diventata improvvisamente fatta di tante più ore, occorre saper rimandare quello che può essere agente separatore e mantenere piccole attenzioni e ancora una volta spazi individuali."

"Manteniamo un po’ di attività fisica. Questo è un tempo di socialità, utilizziamo gli strumenti che abbiamo, molto meglio una video chiamata che un messaggio, concediamoci un tempo di riposo, muoviamoci nella giornata come se il virus non ci fosse mantenendo abitudini domestiche, parliamo con gli amici via telefono, parliamo col vicino di casa stando in balcone."

"Diamo spazio alla fantasia e alla creatività, mettiamo il nostro talento al servizio degli altri. Viviamo il presente… Al dopo penseremo poi, evitiamo di pensare sempre o di parlare troppo di virus, adattiamoci ai nuovi cambiamenti, manteniamo uno stato emotivo di speranza."

Tra i partecipanti anche una rappresentante dell'Assessorato alle Politiche sociali, Accoglienza e Integrazione, Agenzia Casa del Comune di Modena e Daniela D'Arpini, Presidente del Consiglio Nazionale ANCeSCAO A.P.S.

0910f0d0 39f9 42c2 92f7 2594cf432d15

Emilia-Romagna, 2020, #maisoliconancescao