Mercato libero dell’energia: perché mi arrivano variazioni di contratto?

«Ho ricevuto una lettera dal mio gestore che mi informa che tra qualche mese cambierà il prezzo della luce e del gas. Perché? E come faccio a sapere se il prezzo che mi propongono sarà più alto o più basso di quello che ho adesso?»

 

Risponde l’esperta Francesca Campanini, di Confconsumatori Parma.

Il Mercato Libero dell’energia prevede che l’offerta sottoscritta abbia una precisa validità temporale, ad esempio 12 o 24 mesi. Il prezzo e le offerte concordate hanno validità per quel preciso lasso di tempo.

Quando si avvicina la date del termine contrattuale il venditore ci informa, con una comunicazione a parte, dell’imminente scadenza e di quali siano le modifiche previste nel caso si desideri mantenere la stessa offerta, ma rinnovata. Questa comunicazione ci dà modo, quindi, di poter valutare altre offerte più vantaggiose o adatte a noi e, nel caso trovassimo di meglio, cambiare offerta o fornitore in tempi congrui.

Per confrontare i prezzi, che ricordiamo riguardano solamente la componente “materia energia”, basta verificare la nota informativa del “vecchio” contratto con quella nuova. Tale documento, che fa parte della documentazione che ci deve essere rilasciata al momento della stipula e quindi fa parte del pacchetto contrattuale, contiene le specifiche della tipologia di offerta, la data, la tempistica di validità e il prezzo della materia energia in maniera molto chiara ed evidente.

Nel caso non si siamo più in possesso di questo documento possiamo comunque verificare il prezzo della materia prima sulla bolletta, anche se in maniera un pochino più articolata. È necessario avere una fattura nel su intero dettaglio, vale a dire tutte le pagine successive alle “informazioni per i clienti”. In genere la fattura che ci viene spedita a casa è limitata ad alcune pagine, quelle che ci danno tutte le informazioni, ma in maniera meno dettagliata. In genere si tratta di circa 6/7 Pagine. Sarà necessario, quindi, “recuperare” le pagine successive e possiamo procedere o scaricando il documento contabile accedendo alla Area Clienti del nostro gestore, o recandoci ad uno sportello territoriale del gestore e chiedere di stampare per noi la fattura completa, oppure inviando al gestore una richiesta scritta della copia completa della bolletta. Quest’ultima soluzione richiede tuttavia tempistiche ben più lunghe delle due soluzioni precedenti.

Nel quadro di dettaglio che troveremo leggendo più approfonditamente la fattura, la prima componente che viene analizzata è quella relativa ai costi della Spesa Materia Energia, che è quella che ci interessa. Alla voce “quota energia” dovremo poi individuare il costo unitario in € della “Componente PE”, cioè la componente del Prezzo Energia. Ecco che abbiamo il dato necessario per procedere al confronto con altre offerte.

Ricordiamo che a è attivo lo Sportello “Energia: diritti a viva voce” http://www.energiadirittiavivavoce.it/ che può esservi di aiuto per tutte le problematiche legate a luce, acqua e gas.

2020