Multa: entro quando pagare per avere lo sconto?

Oggi per la rubrica “ANCeSCAO chiama Confconsumatori risponde” parliamo di multe.

«Venerdì mi è stata notificata a mano una multa per violazione al codice della strada. Se la pago entro 5 giorni ho diritto ad una riduzione del 30%: escludendo sabato e domenica, mi conferma che posso effettuare il bonifico entro il venerdì successivo?»

Risponde l’avvocato Mara Menatti, di Confconsumatori Parma

ll “Decreto del fare” (D.L. n. 69/2013) ha introdotto la possibilità di effettuare il pagamento delle sanzioni per violazione del codice della strada entro 5 giorni dalla contestazione o notificazione usufruendo di una riduzione del 30% dell’importo previsto dalla legge, appositamente indicato nel verbale e nel bollettino. I giorni prescritti per legge, entro i quali pagare le sanzioni, decorrono sempre dal giorno successivo, sia della rilevazione dell’infrazione che della notificazione del verbale da parte del postino o del messo comunale.

Nel caso in cui, però, il verbale non venga consegnato presso l’abitazione del destinatario, causa assenza dello stesso o familiari, l’addetto al recapito immette nella cassetta postale del destinatario un avviso di deposito con cui lo informa che il plico è in giacenza presso l’ufficio postale; in questo caso il termine di 5 giorni inizierà a decorrere dal giorno dell’effettivo ritiro presso l’ufficio postale, a condizione che ciò avvenga entro 10 giorni dalla data di deposito. Diversamente, se il ritiro avviene oltre la compiuta giacenza (10 gg), si calcolano i 5 giorni dall’undicesimo. In termini pratici: avviso ricevuto in data 4 marzo 2019 e verbale ritirato all’ufficio postale in data 16 marzo: si potrà effettuare il pagamento in forma scontata fino al 19 marzo. Infatti la notifica si intende perfezionata il decimo giorno (14 marzo), quindi dal giorno successivo (15 marzo) decorre il termine di 5 giorni.

Per il calcolo del termine si seguono le regole ordinarie previste dall’art. 155 del Codice di Procedura Civile secondo cui, non si calcola il giorno iniziale, ma si calcola il giorno finale (pertanto il termine inizia a decorrere dal giorno successivo a quello della contestazione o notifica): se i giorni sono da calendario festivi, si computano nel termine, salva l’ipotesi in cui si tratti del quinto giorno, termine ultimo per il pagamento ridotto; in tal caso, viene prorogato al primo giorno utile dopo la festività o al lunedì successivo, se cade di domenica. Invece, se l’ultimo giorno capita di sabato, non cambia nulla, in quanto sabato non è considerato un giorno festivo. Invece, nel caso in cui il trasgressore decida di pagare la sanzione con bonifico online, il pagamento viene considerato eseguito nel termine di 5 giorni se l’accredito della somma avviene entro il 7° giorno dell’avvenuta notifica.

Per completezza va detto che vi sono ipotesi di esclusione della riduzione del 30% della sanzione pecuniaria. Infatti, la stessa non trova applicazione quando, in aggiunta alla sanzione pecuniaria vi è anche la sanzione accessoria della confisca del veicolo (con relativo sequestro dello stesso) o la sanzione della sospensione della patente di guida (con relativo ritiro del documento), nel caso di guida contromano e di inversione su strade extraurbane principali e autostrade e nei casi di guida in stato di ebbrezza e sotto l’influenza di stupefacenti.

Concludendo, il consumatore ha diritto al pagamento ridotto della sanzione amministrativa pecuniaria se provvede al pagamento entro i 5 giorni successivi alla notifica, da calcolarsi partendo dal giorno successivo alla medesima, conteggiando i sabati (lavorativo) e i festivi, salva l’ipotesi in cui il quinto giorno cada di domenica e/o festivo: il termine sarà prorogato al lunedì successivo o al primo giorno utile non festivo. La sig.ra, pertanto, deve pagare la sanzione ridotta entro il mercoledì successivo.

Per informazioni contattare Confconsumatori Parma: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e 0521/230134

2020